.
Annunci online

senzaregole
Io della vita non ho capito un cazzo
musica
20 settembre 2008
J.Ax uno di noi:
J.Ax Uno di noi:

Signori e signore, questa voce non s’ignora signora
O lo ama o lo odia
L’unica avvertenza d’ascolto è:

Se ti piace J Ax sentiti sto pezzo
Se non ti piace J Ax puoi crepare adesso
Con o senza te io il pubblico ce l’ho
Sono senza re
Quando Baudo mi chiamò dissi di no, grazie!
Il mio testo in quel contesto fa cagare!
Faccio al bel canto
Quello che i carramba han fatto a Franca Rame
E i miei fan pogano troppo
Il mio fan è fatto, non dorme, su MTV vota doppio
Ho un fan-club, si chiama VAFFANCLUB!
Ci sta gente della mia della mia età e la generazione GTA
Da ‘Strade Di Città’ adesso con figli e marito
Saluta lo zio Ax, fagli il terzo dito!
Ho troppi blindi fuori quando suono
Trenta finanzieri per due canne di fumo
Li schedano, li menano, ma sono troppi
Li ho visti caricare e spaventare i poliziotti
E dire:
UNO DI NOI
I miei cantanti mi gridano:
J AX è UNO DI NOI
E dove a te tifavano a me dicono:
UNO DI NOOOI
Mi gridano:
J AX è UNO DI NOOOI

Dov’è la Milano da bere?
Io conosco solo la Milano che ha sete
Che non si vede, fa ciò che non si deve
Dove non c’è più nebbia ogni sera c’è neve
A chi era scettico sul mio disco da solo
Il mio zoccolo duro ha messo un platino in culo!
Critica serpe non mi serve
Lo so che a scuola prendevate sberle
Non puoi insegnare al ladro a rubare
Sono qui da un tot, mi fanno durare
Non ho un pubblico pop in tempesta ormonale
Perché senza photoshop faccio troppo cagare
Non vinco mai se decide una giuria
Dove vota la gente ogni coppa è mia
8 italiani su 10 non leggono,
10 ragazzi su 10 inneggiano, zio:
UNO DI NOI
I miei cantanti mi gridano:
J AX è UNO DI NOI
E dove a te tifavano a me dicono:
UNO DI NOOOI
Mi gridano:
J AX è UNO DI NOOOI!!!

Se ti piace J Ax sentiti sto pezzo
Se non ti piace J Ax puoi crepare adesso
Se non ti piace J Ax puoi crepare adesso
Zioooo

Io sono fuori da quando era fuori John Gotti
In Italia passi ai tempi del fotti fotti
Con gli occhi rossi mi riconosci in testa a tutte le generazioni come i pidocchi
Da vecchio non sarò un mito come Mina
Invece tornerò un fallito come prima
In cima ci sono ma in testa vivo in cantina
Con la refurtiva del colpo che ho fatto a casa di Liga
Davanti o dietro il vetro io resto il pazzo vero
Ascolti me e non torni indietro come dopo un cazzo nero
Voi avete fan volubili e puttane
Le mie sono per sempre come le metallare
Riempiono Piazza Duomo se vado a TRL
Sfilando il portafoglio alle fan dei tokio hotel
Non ho minchioni che mi ascoltano e mi scrivono
Ho i miei cantanti che gridano:
UNO DI NOI
I miei cantanti mi gridano:
J AX è UNO DI NOI
E dove a te tifavano a me dicono:
UNO DI NOOOI
Mi gridano:
J AX è UNO DI NOOOI
Mi gridano:
UNO DI NOI
J AX è UNO DI NOI
UNO DI NOOOI



permalink | inviato da senzaregole il 20/9/2008 alle 13:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
10 maggio 2008
somewhere_ within temptation_

Within Temptation

Blu inglese_  _Viola italiano


Somewhere

Lost in the darkness
Hoping for a sign
Instead there's only silence
Can't you hear my screams?

Never stop hoping
Until you know where you are
But one thing's for sure
You're always in my heart

[Chorus:]
I'll find you somewhere
I'll keep on trying
Until my dying day
I just need to know
Whatever has happened?
The truth will free my soul

Lost in the darkness
Tried to find your way home
I want to embrace you
And never let you go

Almost like you're in heaven
So no one can hurt your soul
Living in agony
Cause I just did not know
Where you were

[Chorus]

Wherever you are
I won't stop searching
Whatever it takes me to go

[Chorus]




Da Qualche Parte

Perduto nell’oscurità
Sperando in un segno
Invece c’è solo silenzio
Non riesci a sentire le mie urla?

Mai smettere di sperare
Finchè non sai dove sei
Ma una cosa è sicura
Sei sempre nel mio cuore

[Rit:]
Da qualche parte ti troverò
Continuerò a cercare
Fino al giorno della mia morte
Ho solo bisogno di sapere
Cosa mai è successo?
La verità libererà la mia anima

Perduto nell’oscurità
Tentato di cercare la tua strada verso casa
Voglio abbracciarti
E non lasciarti andare mai

Quasi come se fossi in paradiso
Così che nessuno possa ferire la tua anima
che vive in agonia
Solo perché non sapevo
dove fossi

[Rit]

Ovunque tu sia
Non smetterò di cercare
qualunque cosa ci voglia per farmi andare

[Rit]

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ">

permalink | inviato da senzaregole il 10/5/2008 alle 21:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
8 maggio 2008
lei nn chiamerà... gemelli diversi_Boom_



fisso una finestra chiusa chiedendomi come stai..
.. secome me sei confusa,  chissà ora che cosa fai!
Sai.. siamo sotto ilcielo della stessa città, ma in realtà ci divide un oceano di forse e ma.
Tutto è bruciato troppo velocemente, lo stesso errore di sempre, troppapassione per niente mentre, ci siamo persi così come se fosse normalequando ignorando ci si fa solo male. il mio migliore amico dice che noneri il tipo giusto per me perchè ha capito che c'è ancora negli occhiuna malinconia che non va via e prova a convincermi che tu non sia piùmia ora! io che sono sempre riuscito a fregarmene, ora mi trovo qui emi tremano le gambe se penso a quell'ultimo abbraccio prima d'andarmenee al gusto amaro di un bacio che sa di lacrime...

rit:
pensi di amarla la realtà è questa l'hai persa cosa credi che servachiudersi in sé, ci perdi la testa, vorresti odiarla però ti manca,datti una sveglia lo sai lei non chiamerà...

oh! no, no!!!!
la gente chiede come mai da un po' non esco più "dicono che ho unabrutta cera stasera" la fanno facile dicendo di tirarmi su "per quellascema dai non ne vale la pena"! vorrei soltanto che suonasse quelmaledetto telefono ancora una volta, ma rimane solo chiedermi che sensoha questo infantile nascondermi dalla realtà…
la vorrei ma so che è tardi.....

rit:
pensi di amarla la realtà è questa l'hai persa cosa credi che servachiudersi in sé, ci perdi la testa, vorresti odiarla però ti manca,datti una sveglia lo sai lei non chiamerà…

riesco solo a dire come è potuto finire io vorrei solo riuscire adormire senza sognarti, perdo il comando mi sto odiando intanto midomando ma com'è che fanno gli altri,
voglio dimenticare non pensarci più ma ogni donna che cammina perstrada mi sembri tu, poi sempre più giù cercando di dimenticarla passaun'altro sorso di rum amico barman,
io che giuravo me stesso che non avrei più sofferto mi guardo eadesso ridendo per come sono messo mi brucia ammetterlo mi manchi sai,
chiudo un cassetto pieno zeppo di rimpianti ormai...

rit:
pensi di amarla la realtà è questa l'hai persa cosa credi che servachiudersi in sé, ma perdi la calma, vorresti odiarla però ti manca,datti una sveglia lo sai lei non chiamerà…

tu,tu,tu,tu....
datti una sveglia, lo sai lei non chiamerà.....

..Karen_





permalink | inviato da senzaregole il 8/5/2008 alle 20:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
musica
27 aprile 2008
Caparezza - Eroe (Storia di Luigi delle Bicocche) (Video)
“Questa che vado a raccontarvi è la vera storia di Luigi delle Bicocche, 
eroe contemporaneo a cui noi tutti dobbiamo la nostra libertà” 

Piacere, Luigi delle Bicocche 
Sotto il sole faccio il muratore e mi spacco le nocche. 
Da giovane il mio mito era l’attore Dennis Hopper 
Che in Easy Rider girava il mondo a bordo di un chopper 
Invece io passo la notte in un bar karaoke, 
se vuoi mi trovi lì, tentato dal videopoker 
ma il conto langue e quella macchina vuole il mio sangue 
..un soggetto perfetto per Bram Stroker 
Tu che ne sai della vita degli operai 
Io stringo sulle spese e goodbye macellai 
Non ho salvadanai, da sceicco del Dubai 
E mi verrebbe da devolvere l’otto per mille a SNAI 
Io sono pane per gli usurai ma li respingo 
Non faccio l’ Al Pacino, non mi faccio di pacinko 
Non gratto, non vinco, non trinco/ nelle sale bingo/ 
Man mano mi convinco/ che io 

sono un eroe, perché lotto tutte le ore. Sono un eroe perché combatto per la pensione 
Sono un eroe perché proteggo i miei cari dalle mani dei sicari dei cravattari 
Sono un eroe perché sopravvivo al mestiere. Sono un eroe straordinario tutte le sere 
Sono un eroe e te lo faccio vedere. Ti mostrerò cosa so fare col mio super potere 

Stipendio dimezzato o vengo licenziato 
A qualunque età io sono già fuori mercato 
…fossi un ex SS novantatreenne lavorerei nello studio del mio avvocato 
invece torno a casa distrutto la sera, bocca impastata 
come calcestruzzo in una betoniera 
io sono al verde vado in bianco ed il mio conto è in rosso 
quindi posso rimanere fedele alla mia bandiera 
su, vai, a vedere nella galera, quanti precari, sono passati a malaffari 
quando t’affami, ti fai, nemici vari, se non ti chiami Savoia, scorda i domiciliari 
finisci nelle mani di strozzini, ti cibi, di ciò che trovi se ti ostini a frugare cestini 
..ne’ l’Uomo ragno ne’ Rocky, ne’ Rambo ne affini 
farebbero ciò che faccio per i miei bambini, io sono un eroe. 

Per far denaro ci sono più modi, potrei darmi alle frodi 
E fottermi i soldi dei morti come un banchiere a Lodi 
C’è chi ha mollato il conservatorio per Montecitorio 
Lì i pianisti sono più pagati di Adrien Brody 
Io vado avanti e mi si offusca la mente 
Sto per impazzire come dentro un call center 
Vivo nella camera 237 ma non farò la mia famiglia a fette perché sono un eroe. 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ">

permalink | inviato da senzaregole il 27/4/2008 alle 13:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
musica
24 marzo 2008
Stop And Stare_OneRepublic_



This town is colder now, I think it's sick of us
It's time to make our move, I'm shakin off the rust
I've got my heart set on anywhere but here
I'm staring down myself, counting up the years
Steady hands, just take the wheel...
And every glance is killing me
Time to make one last appeal... for the life I lead

Stop and stare
I think I'm moving but I go nowhere
Yeah I know that everyone gets scared
But I've become what I can't be, oh
Stop and stare
You start to wonder why you're 'here' not there
And you'd give anything to get what's fair
But fair ain't what you really need
Oh, can u see what I see

They're tryin to come back, all my senses push
Un-tie the weight bags, I never thought I could...
Steady feet, don't fail me now
Gonna run till you can't walk
But something pulls my focus out
And I'm standing down...

Stop and stare
I think I'm moving but I go nowhere
Yeah I know that everyone gets scared
But I've become what I can't be, oh
Stop and stare
You start to wonder why you're here not there
And you'd give anything to get what's fair
But fair ain't what you really need
Oh, you don't need

What u need, what u need...

Stop and stare
I think I'm moving but I go nowhere
Yeah I know that everyone gets scared
But I've become what I can't be
Oh, do u see what I see...



permalink | inviato da senzaregole il 24/3/2008 alle 13:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
17 gennaio 2008
apologize
 I'm holding on your rope
Got me ten feet off the ground
And I'm hearing what you say
But I just can't make a sound
You tell me that you need me
Then you go and cut me down
But wait...
You tell me that you're sorry
Didn't think I'd turn around and say..

That it's too late to apologize, it's too late
I said it's too late to apologize, it's too late

I'd take another chance, take a fall, take a shot for you
And I need you like a heart needs a beat
(But that's nothing new)
Yeah yeah

I loved you with a fire red, now it's turning blue
And you say
Sorry like an angel, heavens not the thing for you,
But I'm afraid

It's too late to apologize, it's too late
I said it's too late to apologizes, it's too late
Woahooo woah

It's too late to apologize, it's too late
I said it's too late to apologize, it's too late
I said it's too late to apologize, yeah yeah
I said it's too late to apologize, a yeah

I'm holding your rope
Got me ten feet off the ground...




permalink | inviato da senzaregole il 17/1/2008 alle 19:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
musica
9 settembre 2006
Artista: Craig David




I'm walking away from the troubles in my life
I'm walking away oh to find a better day
I'm walking away from the troubles in my life
I'm walking away oh to find a better day
I'm walking away

sometimes some people get me wrong
when it's something I've said or done
sometimes you feel there is no fun
that's why you turn and run
but now I truly realise
some people don't wanna compromise
well I saw them with my own eyes spreading those lies
and well I don't wanna live my life too many sleepless nights
not mentioning the fights i'm sorry to say lady

I'm walking away from the troubles in my life
I'm walking away oh to find a better day
I'm walking away from the troubles in my life
I'm walking away oh to find a better day
I'm walking away

Well I'm so tired baby
things you say you're driving me away
whispers in the powder room baby
don't listen to the games they play
girl I thought you'd realise
I'm not like them other guys
coz I saw them with my own eyes
you should've been more wise
and well I don't wanna live my life too many sleepless nights
not mentioning the fights I'm sorry to say lady

I'm walking away from the troubles in my life
I'm walking away oh to find a better day
I'm walking away from the troubles in my life
I'm walking away oh to find a better day
I'm walking away



permalink | inviato da il 9/9/2006 alle 22:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
musica
18 giugno 2006
Album 2003 "Italiano medio" N°9 Titolo "I consigli di un pirla" Autori "Articolo31"
Ho tanti pregi quanti difetti
Mi mancheranno le virtù
Ma un fratello maggiore
Non ha sempre ragione
Solo qualche anno in più
E so darti il tormento su tutto
È chiaro dovrei finirla
Ma per tua disgrazia non ho figli
E da lasciarti ho i consigli di un pirla
Se ti dicono di alzarti tu siedi
E quando siedono tu alzati in piedi
Non aver fede solo in quello che vedi
Insegui i sogni fino a quando li credi veri
Ed a un certo punto saranno tutti amici tuoi
Diranno di amarti per quello che sei
Vorranno solo privarti di un pezzo di quello che hai
Ma, ci sarà sempre la mamma
Che ha gli occhi più giovani di noi
Con lei sono giorni preziosi
Stalle vicino più tempo che puoi
Non importa se modelle o commesse
Certe donne si faranno gioco di te
Trattale tutte da principesse e sarai un re
Se ti dicono di alzarti tu siedi
E quando siedono tu alzati in piedi
Non aver fede solo in quello che vedi
Insegui i sogni fino a quando ci credi
T’insulteranno a gran voce e tu ridi
Ti chiuderanno la bocca e tu scrivi
Se ti picchieranno e t’imporranno divieti
Tu fatti beffa dei tuoi padroni
E canta i loro segreti
Hai la mia determinazione a compiere ogni errore
Prima di imparare
Solo
A volte non vale
Il prezzo da pagare
E come quando giocavi in cortile
È mio dovere evitare che tu ti faccia del male
O almeno tentare
Farai di testa tua
Seguirai la tua idea
Fatti un bel giro di boa
Anche se ce al bandiera dell’alta marea
È un vizio di famiglia
Come questi consigli di un pirla
Se ti dicono di alzarti tu siedi
E quando siedono tu alzati in piedi
Non aver fede solo in quello che vedi
Insegui i sogni che credi fino al giorno che li rendi veri
A un certo punto finita la festa
Vedrai tutti andar via
Ti accorgerai che quel poco che resta ti basta
Ed ecco, quella sarà casa tua
T’insulteranno a gran voce
E tu ridi
ti chiuderanno la bocca
e tu scrivi
Se ti picchieranno e ti imporranno divieti
Tu fatti beffa dei tuoi padroni e canta i loro segreti


Bellissima davvero!
Riportata da Friky!
; )
V.v.b. raga!!!
E x tt i raga dell'SF Skiaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!



permalink | inviato da il 18/6/2006 alle 18:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
musica
16 giugno 2006
Artista: Articolo 31
ARIA:

Sei la visione che mi circonda come l'aria che respiro e non c'è spot sul mio foglio bianco resta la mia biro rinchiusa in una gabbia di paura non vuole che le mie parole inquinino quest'aria pura, sono in preda a questa antica magia, strana alchimia, nuova mania di cercare dentro il tuo ricordo qualche profezia, in balia di una marea, la verità sotto un vento di bugie, e tu sorridi in mezzo a tutto questo, tu che sei l'aria fredda la mattina presto mentre mi vesto, riempimi la bocca con il primo sbadiglio sei il sogno che comincia nel momento in cui mi sveglio, lasciati respirare aria d'altitudine quella che dà origine a vertigine ed inquietudine e mentre osservo il vento muovere le nuvole dipingo in cielo la tua immagine e scopro che per me sei aria.
Ed adesso barman riempimi il bicchiere metti qualcosa di tranquillo poi vieni qui a parlare, tanto già lo so che hai già capito che mi è capitato, il tuo bancone ne ha sorrette di persone messe in questo stato, parlami degli amori che hai passato io ti parlerò del mio che è appena nato. Ti parlerò di lei, dirò cose che fra un'ora non ripeterei, che a lei non direi mai. Ok, ora metti che ha queste frecce veramente questo Cupido che le tira, ecco ha sbagliato mira, ha colpito me e lei no, lei questa notte dorme con qualcuno che non so e io non dormirò, succede o almeno dicono, in un film lo troverebbero poetico romantico una cotta a senso unico, io mi vedo comico e rido di emozioni senza traettoria guardando lei dispedersi nell'aria.
Ora veniamo a noi signora che mi giri in testa, che ieri sera sei uscita col mio cuore in tasca labbra rosse di rubino il mio ricordo mentre bevo vino il mio compagno di San Valentino. Sei la regina di un ignaro re fra gli uomini, mia privata fantasia lascia che ti esamini, occuperei la lingua mia in approfondite indagini, impartirei il tuo corpo che nemmeno immagini, ma l'aria è di tutti e di nessuno, possa respirarla e sporcarla con del fumo e ti respiro anche quando tiro dalla mia Marlboro soffiando gioco a fare anelli con i tuoi capelli d'oro, dura messo male da paura barman dammi tu la cura stasera sono fuori gara, brindiamo alla memoria di una storia senza gloria una febbre d'amore necessaria come aria.





permalink | inviato da il 16/6/2006 alle 21:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
musica
16 giugno 2006
Artista: CapaRezza




3° B di un I.T.C. Una classe di classici figli di. Ho dubbi amletici tipici dei 16: essere o non essere patetici. Eh si, ho gli occhiali spessi, vedessi.. amici che spesso mi chiamano Nessy,
indefessi mi pressano come uno stencil.. Bud Spencer e Terence Hill repressi, con grossi limiti
ma imbottiti di bicipiti da divi che invidi, vengono i brividi se per fare i fighi lasciano lividi.
Non vivo di pallone, non parlo di figone, non indosso vesti buone, quindi sono fuori da ogni discussione.
No, non mi conoscono ma tirano le loro nocche sul mio profilo da Cyrano,
se sei violento tutti qua dentro ti stimano, se sei mite di te ridono come di Totò,
però chi è mansueto come me sa che quando le palle si fanno cubiche,
come un kamikaze che si fa di sakè metto a fuoco intorno a me.

Rit:
Trovo molto interessante la mia parte intollerante che mi rende rivoltante tutta questa bella gente

Affianco al mio banco un hippoppettaro sniffa polvere da sparo, dice che un tipo è capace
per quanti buchi ha nel torace, lo capisco ma preferisco Karol a dischi di artisti muscolosi,
orgogliosi dei loro trascorsi malavitosi, vanitosi ripresi con pose da bellicosi mentre io sono fiacco
ed ho la mononucleosi, studio in una classe di rissosi eccitati dai globuli rossi manco fossero Bela Lugosi. Tieni presente che sono commosso cerebralmente da gesti eccessivamente affettuosi.
A 16 anni le opzioni sono 2 visto che o diventi pugile o diventi come me che sono debole,
che non ho regole, che ho roba demodè, che detesto il chiché dell’uomo che non deve chiedere mai,
dato che se non chiedi non sai, dato che adoro Wharol e Wilde, dato che se mi cerchi
mi troverai nel viavai di un gay pride, ma sappi che se mi provocherai sono guai,
Dottor Jackill diventa Mr Hide e ti ammazza stecchito col Raid.

Rit.

Cari professori miei, io vorrei che in giro ci fossero meno bulli del cazzo e più gay,
più dreadlock e meno monclair, più Stratocaster e meno DJ, chiama la strega di Blair
che ho un progetto in mente: rimanere sempre adolescente. Io sono molto calmo ma nella mente
ho un virus latente incline ad azioni violente. Si sente sempre più spesso che sono un pazzo depresso.
Meglio depressi che stronzi del tipo “Me ne fotto” , perché non dicono “Io mi interesso”?
che si inculino un cipresso, dunque, tanto il mio destino è stare solo con chiunque.
Alle bestie regalerò i miei sorrisi come Francesco d’Assisi e Pippi Calzelunghe

Rit.



permalink | inviato da il 16/6/2006 alle 21:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
musica
15 giugno 2006
Artista: Articolo 31 Album: La Riconquista Del Forum - Live Titolo: Barbecue

C’era una volta quanto tempo fa non so
Un pianeta uguale al nostro solo che era come un grande zoo
Lì non c’erano persone ma soltanto animali
Il problema è che il pianeta lo comandavano i maiali e c’era…
 Cibo in abbondanza ma lo stesso c’era la fame
C’era la fame perché i maiali assoldarono qualche cane
 Li mandarono in giro a chiedere tasse sul cibo
 Il presidente vuole il 70% di quello che c’hai nel frigo

 Rit. A lui piace il barbecue E si ingrassa un po’ di più A lui piace il barbecue…

Così il pianeta si divise in due regioni
I maiali con le pecore gli agnelli coi leoni
Il porcile era pulito il letame era nascosto
I maiali sporcavano le pecore pulivano al loro posto
E il capo mise in prova una politica nuova
Da il mangime alle galline in cambio chiedigli le uova
E rideva s’ingozzava alla tele e sul giornale
Così che pure un gattino vuole diventar maiale e mangiare
Fino a perdere il pelo e scoppiare e finanziare i leoni
Purché continuino a sbranare e mangiare e mangiare
Altri animali quasi estinti farsi un ricco barbecue e buttare via gli avanzi

Rit. A lui piace il barbecue E si ingrassa un po’ di più A lui piace il barbecue…
 Tutti i maiali a fare… …barbecue… gli altri animali senza… …barbecue…

 Ma un giorno mentre imboccava una maialina al silicone
Un maiale scivolò e finì sopra al carbone
Si diffuse nell’aria l’odore di maialino alla griglia
Cani e leoni annusavano la nuova meraviglia
D’un tratto smisero di scannarsi l’un con l’altro
Andando verso quel profumo che ora gli piaceva tanto
Rit. Andava verso il barbecue
E si affamava un po’ di più Il barbecue…

 Così arrivarono al…barbecue…
 Subito pecore e leoni gomito a gomito alle porte del porcile con il brontolio allo stomaco
E il presidente dei maiali che tentò un discorso comico
Disse state buoni ci son mille soluzioni
Ma se affami dei leoni poi è difficile che ci ragioni
Ed offriva a tutti dei Ferrero Roche
Ma per l’arca di Noè era il momento del buffet quindi
Coltello e forchetta tavola imbandita La storia dei maiali su quel pianeta è finita
La morale è che un maiale non sa mai che il futuro
Spesso è un limone in bocca ed una carota in culo!!!


Grandi ragaziiiiiiiiiiiiiiiii!!!

..Friky..



permalink | inviato da il 15/6/2006 alle 11:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
musica
6 giugno 2006
Artista: Marina Rei Album: Anime Belle Titolo: L'eternità
 Anima mia, tu che non puoi morire
 l'eternità è dentro te
 soffia più forte e poi vola lontano
 anima mia, tu che non hai una storia
 solo avventure e fantasie
 sogni difficili da confidare
magari potrei parlare qui con te
la mia emozione è distante dai pensieri che hai tu
 l'anima mia è in cerca di fortuna
 guarda lontano senza paure senza patire
 io voglio la tuà libertà
puoi amare anche un'altra se vorrai,
 e potrai lasciarmi adesso che mi vedi,come sono
 ti amo ancora
 ed è un sussuro che va fin dentro l'eternità
 mentre tu vivi tutti i giorni che hai e segui la tua strada qualcosa ci troverai,
 e se se niente scoprirai lassù,
 non sarà un problema
 avrai una voce che andrà dentro l'eternità.




Marina Rei






permalink | inviato da il 6/6/2006 alle 11:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
musica
30 maggio 2006
Gli articolo tornano a gran rikiesta..e di ki? Mia ovviamente.. Questa è "Domani"5° brano in "Così com'è"
Ma se domani un altro sole il tuo corpo riscalderà (domani), però domani un altro bacio dimmi che sapore avrà (domani), se domani un pensiero di ciò che era ieri ti chiamerà (domani), tienilo con te perché dopo un giorno ancora forse se ne andrà.
Oggi c'ho in testa te, non so perché, domani chissà... perciò se ti va senti qua: i ricordi sono in fila e non mi mollano, ad uno ad uno salgono e mi tormentano. Sono in para, noia dura, dolce tortura, paura, come quella sera indeciso sul baciarti o meno, a parlare sul divano ore, la prima volta che assaggiavo il tuo sapore e già ne ero strettamente dipendente, shhh, cotto immediatamente. Ed era tipo "che c'importa di domani?" , stringimi le mani, ma i baci non risolvono i problemi, e ora non ci sei, domani è già arrivato, e brucia dentro sai, anche se ero preparato, e cadono parole come pioggia sulla strada, forse verrà domani il sole che le asciuga.
Non so dove mi porterà questa marea, a largo o a riva non ne ho idea, se con qualcuno o se con te, non so domani neanche se sarò con me. Ma se domani un altro sole il tuo corpo riscalderà (domani), però domani un altro bacio dimmi che sapore avrà (domani). Se domani un pensiero di ciò che era ieri ti chiamerà (domani), tienilo con te perché dopo un giorno ancora forse se ne andrà.
L'autostrada scivola veloce, sto mangiando quel gelato che ti piace, che ti fa ingrassare, tutte le menate quante volte le ho sentite, mi gira in testa ancora la tua voce, dolce musica, pure quando isterica, quasi psichedelica, senza dubbio erotica. E penso a quanto spesso son finito nel tuo letto a smaltire quel gelato, a restare impigliato nei tuoi capelli con il mio orecchino, a fare casino, per farmi stare zitto mi schiacciavi sulla bocca il tuo cuscino. Fumare sigarette, raccontarti barzellette fino al mattino, e mi divertivo quando mi correggevi se sbagliavo un congiuntivo. E come t'incazzavi quando t'abbracciavo e non m'ero tolto l'orologio e ti graffiavo, cento volte buonanotte e non dormivo, ti fissavo, poi mi muovevo e ti svegliavo: ...E lasciami dormire Ale ti prego...", ed eri così bella che non ci credevo...
Ma se domani un altro sole il tuo corpo riscalderà (domani), però domani un altro bacio dimmi che sapore avrà (domani). Se domani un pensiero di ciò che era ieri ti chiamerà (domani), tienilo con te perché dopo un giorno ancora forse se ne andrà. Forse domani un nuovo vento la mia passione soffierà via (domani), chissà domani quale fuoco ecciterà i peccati miei (domani), perché domani non ci sei, perché domani non c'è "noi", perché domani, c'è solo domani (domani), domani.
E ancora cambio umore se ti penso, è un bel po' che non ti sento, ma non mi frega cosa stai facendo, dentro ho un'immagine di te che non parla, l'ho fatta per guardarla e non voglio rovinarla. E tengo solo il buono, come il tuo profumo, che mi ha sballato più di ogni cosa abbia bevuto o fumato, e mai nessuna foto renderà giustizia al tuo sorriso quando esplode all'improvviso sul tuo viso, lascia stare, domani avrò un altro posto dove andare, e un'altra rima da inventare, e neanche so dove saranno i miei pensieri, forse sarai solo una luce che illumina il mio ieri. Ma ancora rido se penso ai soprannomi che mi hai dato, li sapesse anche il mio amico, sarei rovinato!! Non credi?? Sono ancora in piedi, e lontano che non mi vedi, ma oggi tu sei la mia musa, baby, fata benedetta e strega maledetta insieme, faccio di te le rime mentre domani viene, la notte muore schiaccio l'acceleratore, oggi sarà un giorno senza te, domani pure.
Ma se domani un altro sole il tuo corpo riscalderà (domani), però domani un altro bacio dimmi che sapore avrà (domani). Se domani un pensiero di ciò che era ieri ti chiamerà (domani), tienilo con te perché dopo un giorno ancora forse se ne andrà. Non so dove mi porterà questa marea, a largo o a riva non ne ho idea, se con qualcuno o se con te, non so domani neanche se sarò con me. Domani...




permalink | inviato da il 30/5/2006 alle 14:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
musica
29 maggio 2006
W gli Articolo31!!! SF!
Ascoloto spesso questa canzone quando sono adirata!
Spero vi piaccia!!!
V.v.b.



Artista: Articolo 31
Album: Xchè Si!
Titolo: Fino In Fondo



Manu vive in una gabbia di palazzi, quelli senza fiori sui terrazzi, dove tazze e sguazzi in infranto al lazzi e smazzi, dove la speranza è al capolinea come i mezzi e infatti Manu, sta chiuso in casa come per nascondersi mentre la tele vuole vendergli una vita che non può permettersi. Pensa a un pacco da consegnare, a cosa ci avrebbe da perdere se tutto va male, pensa a una ragazza amata in primavera che ora muore prigioniera di una pera, pensa a una preghiera, sua madre che la recita ogni sera mentre invecchia, e guarda la pistola sulle sue ginocchia.
Suo padre odiava il suo padrone, ma lui è di una generazione che al padrone non riesce a dare un nome, ora in mano c' ha un cannone che non aspetta, sta uscendo, cerca vendetta in fretta e sta pensando:
NON MI PARLATE ANCORA NON VI ASCOLTO, ALTRE PROMESSE FALSE NON LE SENTO, DA OGGI IO VIVRO' OGNI SECONDO FINO IN FONDO.
IO LO SCONFIGGERO' QUESTO MIO TEMPO, SE MI SARAI DAVANTI IO TI SFONDO, DI VITA QUESTA HO QUINDI CI CREDERO' FINO IN FONDO.
Contro ogni sogni impossibili di predicatori non credibili, fonti poco attendibili, segnali poco udibili, deboli, muri infrangibili, segni tangibili di circuiti invisibili di cui noi siamo i fusibili. Ogni tanto uno fonde come fonde ora Chiara mentre suo padre urla e la sta picchiando ancora, a 16 anni una valigia fatta in fretta una città grigia che l' aspetta e la rabbia che le pigia in testa.
Vive una favola tragica dove papà è un' orco, tranne la domenica che c' è il calcio e le sembra morto, è stanca, è sola, la musica non basta, a scuola dice bugie per proteggere una bestia, lividi che lasciano furie e umiliazioni, i vicini sentono ma alzano il volume della televisione. Papà ora è tranquillo, dorme ubriaco, sta russando, Chiara ha un coltello e sta pensando:
NON MI PARLATE ANCORA NON VI ASCOLTO, ALTRE PROMESSE FALSE NON LE SENTO, DA OGGI IO VIVRO' OGNI SECONDO FINO IN FONDO.
IO LO SCONFIGGERO' QUESTO MIO TEMPO, SE MI SARAI DAVANTI IO TI
SFONDO, DI VITA QUESTA HO QUINDI CI CREDERO' FINO IN FONDO.
Me li ricordo come elefanti parlanti dirmi di valori edificanti e di lavori qualificanti e poi darmi delusioni puntuali, unti, arroganti, dentro i ristoranti con sorrisi smaglianti ma una coscienza da maiali, pronti a giurare sull' ennesima bugia presi da fobia perché sempre più spesso i Davide ammazzano i Golia, che sia pazzia che ci travolga io resto fuori e sto gridando alla sua porta:
NON MI PARLATE ANCORA NON VI ASCOLTO, ALTRE PROMESSE FALSE NON LE SENTO, DA OGGI IO VIVRO' OGNI SECONDO FINO IN FONDO.
IO LO SCONFIGGERO' QUESTO MIO TEMPO, SE MI SARAI DAVANTI IO TI SFONDO, DI VITA QUESTA HO QUINDI CI CREDERO' FINO IN FONDO.(2volte)
IO LO SCONFIGGERO' QUESTO MIO TEMPO, SE MI SARAI DAVANTI IO TI SFONDO, DI VITA QUESTA HO QUINDI CI CREDERO' PERCHE' SARA' COSI' O INCULO AL MONDO!




permalink | inviato da il 29/5/2006 alle 18:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
musica
22 maggio 2006
"Ci sarò" n°11 in "Anime belle" di Marina Rei
Titolo: Ci Sarò



Quando il buio ti oscurerà
sarò li ad illuminarti
quando non saprai più chie che cosa sei sarò lì a ricordarti
quando ti perderai
io ti ritroverò
quando vivrai nel dubbio
risponderò ai tuoi perchè

"chorus"

sarò la spalla su cui piangerai
la casa dove tornerai
in tutti i giorni che vivrai
in tutto quello che farai
ci sarò
sarò la forza che ti aiuterà a trovare
la felicità,
sarò lì anche se pioverà,
quando nessuno ci sarà, ci sarò.

E quando un abbraccio aspetterai
sarò vicino a stringerti
e quando la tua fede, svanirà
sarò con te a ricrederti
quando vedrai bugie
dirò la verità
quando cercherai qualcuno
potrai correre da me

"chorus"

sarò la spalla...

...sarò il sole
che asciugerà il tuo cuore
sarò la sola
sarò con te per ore...

"chorus"

sarò la spalla..
...sarò, la tua casa
sarò lì per te
con te.



...Friky...





permalink | inviato da il 22/5/2006 alle 14:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE