.
Annunci online

senzaregole
Io della vita non ho capito un cazzo
DIARI
2 marzo 2015
Tornano le nuvole, ma la foschia può solo nascondere l'orizzonte
Dopo il sole di ieri le nuvole hanno ripreso ad ammassarsi. Il sole ed il calore primaverile hanno ceduto il loro posto ad una sottile, quanto tenace, pioggerellina invernale. Così, mentre ieri, ogni cosa appariva a portata di mano, oggi la foschia intorpidisce la visione chiara di un futuro luminoso. Ciò rende il calore e la giornata di ieri ancora più importanti... dato che il sole splendente del primo Marzo, con il suo tepore, (e la sua prima calendula) dissipando la foschia ed il gelo invernale sono stati come un "occhiolino" da parte della primavera. 
Un promemoria, da parte della natura, per tutti noi: "tenete duro, sto arrivando!"
Ricordate dunque che le nuvole sono tornate, ma la foschia ed il gelo possono solo nascondere l'orizzonte. 
SOCIETA'
11 marzo 2011
Trema il Giappone: sisma 8.9 Richter 300 cadaveri sulla spiaggia di Sendai Cede diga: acqua travolge case

Devastante maremoto sulle coste nipponiche. Incendi con feriti nella capitale. Stop ad aerei, ferrovie, metro, e centrali nucleari. Centinaia di dispersi. Inabissata nave con un cento passeggeri


TOKYO - Un terremoto di 8.9 gradi della scala Richter ha sconvolto il Giappone e ha provocato uno tsunami di dimensioni spaventose a Sendai, dove sulla spiaggia sono stati trovati 250 - 300 cadaveri. Le onde hanno toccato i 10 metri di altezza. Il bilancio ufficiale di fonte governativa è ancora fermo a 95 morti. Stando alle notizie di fonte web e diffuse da alcune agenzie di stampa, il bilancio sarebbe di gran lunga superiore. È stata, dice l'Agenzia meteorologica giapponese, la più potente mai registrata nel paese e tra le dieci più potenti degli ultimi 150 anni, forse addirittura la seconda per potenza e capacità distruttiva. L'ultimo bilancio del terremoto fornito
dalla polizia giapponese è di 60 morti e 56 dispersi.

Cede la diga. Una diga nella prefettura di Fukushima, nella parte nordorientale del Giappone, ha ceduto travolgendo abitazioni. Non è ancora stato stabilito se vi sono state vittime. Lo ha riferito l'agenzia di stampa giapponese Kyodo News.

Scomparso treno dopo lo tsunami. Un treno in servizio sull'area costiera della prefettura di Miyagi, nel Giappone nordorientale, risulta attualmente disperso dopo il passaggio di un violento tsunami a seguito del sisma. Lo riferisce la polizia nipponica, secondo cui al momento non è noto il numero dei passeggeri che si trovavano a bordo del convoglio. Il treno, al momento della prima scossa di magnitudo 8,8, era in servizio sulla linea che connette le città di Sendai e Ishinomaki.

La sequenza. La prima scossa è stata di magnitudo 8.9 alle 14.46 locali (le 6.46 in Italia) con epicentro a una profondità di 24,4 km e a 81 miglia da Sendai, nello Honshu; la seconda è stata pari a e 7.8 si è registrata alle 15.15 locali (le 7.15 in Italia) al largo delle acque della prefettura di Ibaraki, alla profondità di 80 km. 

Battello inabissato. Una nave con 100 persone a bordo è stata travolta dallo tsunami che ha colpito la costa giapponese a seguito della scossa sismica. Lo riferisce l'agenzia nipponica Kyodo News citando la polizia della prefettura di Miyagi.

Notizie catastrofiche dal web. 
Secondo alcuni blogger sarebbero centinaia i morti in alcune cittadine del Nord del Giappone. Si tratta però di notizie che non hanno il crisma della conferma ufficiale. Da parte delle autorità le notizie vengono filtrate: appaiono filtrate e date con il contagocce.

Tutti i trasporti bloccati. L'agenzia di stampa Kyodo ha riferito che trasporti aerei e ferroviari sono stati interrotti in gran parte del Giappone: in particolare l'aeroporto internazionale di Narita, che si trova a una cinquantina di chilometri a est della capitale, ha sospeso il traffico aereo e evacuato tutti gli edifici. Il premier giapponese Naoto Kan ha convocato una riunione d'emergenza. Il ministero della Difesa ha inviato forze navali sul posto.

Emergenza nucleare, spento l'incendio alla centrale di Onagawa. Immediata la reazione del Governo e della autorità giapponesi: l'aeroporto Narita di Tokio è stato chiuso ed è iniziata l'evacuazione da case, aziende e fabbriche. A seguito di un incendio nella centrale nucleare di Onagawa, nella prefettura di Miyagi, il governo ha dichiarato lo stato di emergenza, dal momento che il processo di raffreddamento di uno dei reattori non sta procedendo come previsto. Le autorità giapponesi hanno comunicato di aver spento l'incendio nella centrale nucleare di
Onagawa, nella prefettura di Miyagi. Lo riferisce l'Aiea precisando comunque di aspettare informazioni più precise sul processo di raffreddamento dei reattori.

In sicurezza le altre quattro centrali nucleari. L'Aiae, l'agenzia internazionale per l'energia nucleare, da Vienna fa sapere che le quattro centrali nucleari più vicine al luogo del sisma sono state fermate, «in condizioni di totale sicurezza». Il primo ministro Naoto Kan ha assicurato che non è stata registrata alcuna fuga radioattiva dalle centrali nucleari dopo il violento sisma che ha colpito il Paese. Un vasto incendio è scoppiato in una raffineria a Iichihara. 

Nessuna fuga radioattiva dalle centrali. Il primo ministro giapponese Naoto Kan ha assicurato che non è stata registrata alcuna fuga radioattiva dalle centrali nucleari dopo il violento sisma che ha colpito il Paese.

Incendio in centrale nucleare. Un inizio di incendio è stato segnalato in un edificio che ospita una turbina nella centrale nucleare di Onagawa, nella prefettura di Miyagi. L'Aiae, l'agenzia internazionale per 'agenzia nucleare, da Vienna fa sapere che le quattro centrali nucleari più vicine al luogo del sisma sono state fermate, «in condizioni di totale sicurezza».

«Accettiamo aiuti dall'estero». 
Il ministro degli Esteri giapponese, Takeaki Matsumoto, ha dato disposizioni alla struttura diplomatica di accettare gli aiuti internazionali.

Allerta Tsunami. Uno tsunami di dieci metri si è abbattuto sulla costa di Sendai, il capoluogo della prefettura di Miyagi, nel nordest del Giappone. Si sono concretizzati così i timori dei meteorologi, che avevano lanciato l'allarme sul rischio di onde anomale dopo alcune violentissime scosse di terremoto al largo delle coste nipponiche (guarda la mappa): la prima, di magnitudo 8.9, è stata registrata alle 14.46 (le 6.46 di stamattina in Italia, ndr) a 24,4 chilometri di profondità, un centinaio di chilometri al largo della prefettura di Miyagi. La scossa, della durata di oltre due minuti, ha fatto oscillare gli edifici nella capitale Tokyo - situata a ben 380 chilometri dall'epicentro - ha provocato "morti e molti feriti" e avrebbe provocato un morto e diversi incendi, come ha riferito la televisione Nhk e testimoni. L'allarme è stato esteso alla Siberia, alle isole Curili, alle Hawaii, alle Filippine, a Papua-Nuova Guinea, alle Marianne e alla Micronesia perchè secondo gli esperti il problema di onde di questo tipo è che diventano più pericolose con il passare del tempo in quanto si alimentano dalla loro stessa forza.


Ripercussioni si son registrate subito in borsa. lo yen è caduto e l'indice borsistico nipponico ha chiuso con un segno negativo.

Morti, feriti e dispersi in tutto il Paese. Un uomo di 67 anni è morto travolto dal crollo di un muro, mentre una donna anziana è stata sepolta dal crollo di un tetto nella regione di Tokyo. Altre tre persone sono morte nella prefettura di Ibaraki nel nord della capitale per il crollo di una casa. Almeno 10 morti nella prefettura di Iwate. Inoltre cinque persone sono morte nel crollo di una casa di riposo della prefettura nordorientale di Fulushima. La polizia per il momento non conferma le cifre in quanto sta cercando di raccogliere le informazioni. «I danni sono così estesi - ha detto un responsabile della polizia - che ci vorrà del tempo per raccogliere i dati». 

Telefoni in tilt, resiste internet, molte zone senza elettricità. Subito dopo la scossa le comunicazioni telefoniche, sia da fisso che da cellulare, sono andate in tilt nell'area di Tokyo, dove invece ha resistito l'infrastruttura Internet, tramite la quale la gente ha continuato a scambiarsi informazioni in tempo reale sulla situazione. Anche se a singhiozzo, anche le connessioni dati dei cellulari hanno retto all'urto della situazione eccezionale: in questo modo è partita la "pioggia" continua di messaggi via Twitter dai telefonini e, nei casi più fortunati, anche di chiamate mediante servizi di voce su dati (Voip) come Skype. A Tokyo vi sono 4 milioni di abitazioni rimaste senza fornitura di energia elettrica.

Truppe di autodifesa nelle aree colpite. Il premier giapponese Naoto Kan ha subito convocato una riunione d'emergenza, invitando i cittadini a mantenere la calma e a prestare la massima attenzione a tutte le indicazioni che saranno fornite. Il governo ha deciso l'invio immediato delle truppe di autodifesa nelle aree colpite, a cominciare dalla prefettura di Miyagi, il cui governatore ha chiesto «aiuto immediato». Danni e feriti, riferiscono infatti le tv locali, si sono registrati nella prefettura di Miyagi e Sendai, dove l'aeroporto del capoluogo è finito sotto l'acqua. 

Allarme maremoto per il Pacifico. L'onda anomala si è riversata sull'immenso parcheggio del parco di divertimenti Disneyland situato non lontano da Tokyo. Ma l'allarme tsunami non è stato lanciato solo per il Giappone. Persiste l'allerta in Russia, isole Marianne e le Filippine come ha avvertito il Centro per gli tsunami del Pacifico. 

Hawai. 
Le autorità locali hanno disposto l'evacuazione dell'arcipelago dove l'arrivo dello tsunami è atteso per le 3 della notte ora lovale (le (14 italiane). Si tratta di una misura dettata dalle esperienze del passato anche se gli esperti parlano di onde sostenute, ma non di uno tsunami vero e proprio. Una serie di onde anomale, frutto del terremoto e dello tsunami che ha colpito il Giappone, sta iniziando a raggiungere l'arcipelago delle Hawaii, dove gli aeroporti sono chiusi e le coste sono state evacuate. È quanto si vede dalle immagini delle tv locali, ma non si hanno notizie di danni. Le prime immagini dalle isole del Pacifico, dov'è ancora notte fonda, non sono particolarmente impressionanti: le onde sono più forti del solito ma non sembrano in grado di provocare ingenti danni, almeno a prima vista. Le autorità statunitensi hanno esteso l'allarme tsunami alle coste del Pacifico, e in particolare alle aree centro-meridionali della California. Le prime onde, che non dovrebbero essere particolarmente forti, sono attese intorno alle 09:00 locali, le 18:00 in Italia.

Taiwan. L'onda di maremoto ha già toccato le coste dell'isola, nella parte sud orientale: l'altezza non ha supertao i 50 centimetri e la forza non è stata tale da far giungere l'acqua nei centri abitati. 

Filippine. Le autorità filippine hanno ordinato l'evacuazione delle zone costiere sul Pacifico dopo l'allerta tsunami, invitando gli abitanti a raggiungere le zone interne.

Isole Curili, evacuati in undicimila. Undicimila cittadini russi sono stati evacuati dalle isole Curili in seguito all'allarme tsunami, anche se la prima ondata ha fatto aumentare il livello dell'acqua solo di 50 centimetri.


(Fonte: "Il Mattino")
SOCIETA'
22 novembre 2009
La terra è malata
.. Questo lo sappiamo tutti, ma non stiamo reagendo come dovremmo! Almeno questo è il mio modesto parere.. Stiamo lasciando che pochi decidano per tanti. Siamo più forti, siamo liberi, siamo umani! Possiamo decidere delle nostre azioni e decidere che da oggi, DA ORA le loro regole non vanno più bene.. -ma loro hanno gli eserciti!- direte voi.
No.. noi siamo gli eserciti.. siamo di più, fate due calcoli! 
Non possiamo concedergli di distruggere interi ecosistemi, intere popolazioni e culture! Se non proviamo a fermarli dimostriamo di non essere migliori di loro! Siamo a conoscenza dell'errore che abbiamo commesso, sappiamo che danni sta provocando.. che aspettiamo a riprendere la situazione in mano?!

..Karen_

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ambiente libertà natura controllo ecosistemi

permalink | inviato da senzaregole il 22/11/2009 alle 10:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
DIARI
19 giugno 2009
Nuovo blog..
Tanquilli senzaregole resterà aperto! -Ma chi se ne frega!- penserete voi.. A dire il vero a me interessa.. nutro un forte affetto per questo blog.
Proprio per il suo modo d'essere: caotico ed incocludente, proprio come me.
Questa altro non è che una dimostrazione della saggezza popolare, per citarvi un vecchio modo di dire : chi si assomiglia si piaglia!

Ad ogni modo ho deciso di aprirne uno nuovo per non rovinare questo, le tematiche saranno differenti, parlerò di cose che solitamente interessano solo a me (hahaha!) come sempre e che mi fanno blaterare per ore.. quindi mi raccomando non visitatemi troppo se non volete rischiare il mal di testa.. ovviamente scherzo! Anzi, se non passerete a trovarmi vi braccherò e poi parlerò di cose completamente prive d'interesse e di logica (come adesso?!) fino a farvi fumare le orecchie..vi farò provare la noia leopardiana!
Qusto per dire in sintesi che se passerete sarò contenta di ricevervi come sempre a braccia aperte..
Forse detta così è meglio.. lascio giudicare a voi!
 Sul nuovo blog, per ora ancora senza nome, dicevo (prima di perdermi in chiacchiere) si parlerà e spero discuterà del mio modo di vedere il mondo.. in verde oserei dire. Vorrei trasmettervi la mia passione per la semplicità e per le cose genuine. Si parlerà di argomenti che spazieranno dalla mitologia, al pane fatto in casa con il lievito madre, di rimedi naturali contro mal di testa, insogna ecc..
Forse pubblicherò anche i miei (innocui non temete) esperimenti.
Detto questo spero di ritrovarvi anche sul nuovo blog.. chi sa, magari vi piacerà vedere il mondo in verde proprio come il mio! Io ce lo auguro..

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. nuovo blog natura verde nome naturale

permalink | inviato da senzaregole il 19/6/2009 alle 20:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE