.
Annunci online

senzaregole
Io della vita non ho capito un cazzo
SOCIETA'
2 marzo 2011
Le rinnovabili spiazzano Governo e filo nuclearisti

La potenza installata da fonti rinnovabili nel 2010 avrà una produzione potenziale di oltre 10 TWh all’anno, la stessa che sarebbe ipoteticamente producibile nel 2022 da un reattore nucleare EPR. E' questo che ha portato all'irrigidimento del Governo? (L'editoriale di Gianni Silvestrini.)

Doveva essere uno strumento per definire le modalità di raggiungimento degli obbiettivi verdi al 2020. In realtà, la bozza di Decreto legislativo che giovedì verrà definitivamente approvato dal Consiglio dei ministri rischia al contrario diparalizzare lo sviluppo delle rinnovabili nel nostro paese. Basti pensare al blocco degli incentivi fotovoltaici una volta raggiunto il tetto degli 8.000 MW contenuto nell’ultima bozza circolata. In realtà tutto fa pensare che alla fine si arriverà ad un compromesso eliminando gli elementi più negativi del provvedimento. Nel corso dell’ultima settimana, infatti, si è registrata una vera sollevazione da parte degli ambientalisti e del mondo imprenditoriale delle rinnovabili. Era già successo un paio di anni fa quando Tremonti tentò di eliminare le detrazioni fiscali del 55% e anche allora il governo tornò indietro.

Ma a cosa si può imputare l’irrigidimento del governo? Indubbiamente ha giocato un ruolo importante il boom fotovoltaico dello scorso anno provocato dallo sciagurato decreto “salva Alcoa” e dagli incentivi troppo alti. Da tempo andiamo dicendo che occorre fare una seria riflessione sul contenimento degli incentivi per garantire una loro diffusione economicamente sostenibile. Il modello, ancora una volta viene dalla Germania dove proprio nei giorni scorsi è stato approvato uno schema di riduzione degli incentivi fotovoltaici legato alla dinamica reale delle installazioni.

Ma a preoccupare il governo sono stati anche i numeri sorprendenti della produzione verde. Anche se il valore definitivo della potenza degli impianti a fonti rinnovabili installati nel 2010 si saprà solo fra qualche mese, si può stimare una produzione potenziale di oltre 10 TWh all’anno. Cioè la potenza verde installata lo scorso anno è in grado di generare una quantità di elettricità analoga a quella che sarebbe ipoteticamente producibile nel 2022 dal primo dei reattori nucleari EPR che si vorrebbero installare in Italia. Si tratta del 3% della domanda elettrica del paese, un risultato eccezionale dopo un lungo periodo di calma piatta per le rinnovabili, interrotto solo un paio di anni fa quando è iniziato il loro risveglio.

E’ evidente che questi numeri preoccupano i filonucleari per due motivi: la soglia del 25% di copertura della domanda elettrica con le rinnovabili, previsto dal governo al 2030 (con un'analoga quota di nucleare) potrebbe arrivare già nei prossimi anni, rendendo problematico l’inserimento di nuova elettricità nucleare. Inoltre il carico nella bolletta elettrica degli incentivi verdi renderà difficile ricavare lo spazio per sovvenzionare il nucleare, unica possibilità perché qualche azienda elettrica decida di affrontare i rischi di questa avventura.

In conclusione, la crescita delle rinnovabili deve continuare concordando una ragionevole riduzione degli incentivi e rafforzando la crescita in atto di un tessuto di imprese verdi.

DIARI
24 febbraio 2009
Sono viva :)
Quello che sto scrivendo è un'inno alla mia gioia.. gioia dovuta al fatto d'essere viva!
Ma come verrà in mente adesso a questa folle ragazza di scrivere qualcosa di simile?
Le sarà forse successo qualcosa? Sarà sfuggita alla morte per un soffio?
Ninte ti tutto ciò, semplicemente ho imparato a sentire la vita scorrere in tutte le cose, fino ad arrivare a sentire me stessa.. a percepire l'energia che scorre in me come il sangue nelle mie vene.
E' una visione, una senzazione meravigliosa ed indescrivibile.
Tocco un albero e non sento foglie e corteccia, ma energia, forza, felicità..
Come se mi ricongiungessi ad un fratello che non sapevo d'avere! :)
I problemi li ho come tutti voi, ma non sono altro che collinette d'un percorso meraviglioso.. si, salire può sembrare faticoso, spesso sentiamo che ci manchi qualcosa.. può essere acqua o una buona compagnia.. ma alla fine arriviamo in cima e da lì possiamo godere di un paesaggio meraviglioso!
Qualcosa che non avremmo mai scoperto senza scalare.. e ci sentiremo così stupidi per esserci lamentati e tanto fortunati per avercela fatta!
Oggi mi sento come far parte di un fatato mondo.. vedo i colori diversamente come se fino ad oggi avessi portato degli occhiali scuri! :)
Il mondo è un posto meraviglioso..

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gioia energia diario

permalink | inviato da senzaregole il 24/2/2009 alle 14:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE